top of page
Cerca

CLO guarda al futuro, con l’esoscheletro AGADEXO



Sollevare, spostare, inserire, prelevare, montare… sono esempi diversi di movimentazione manuale dei carichi che nel tempo possono produrre affaticamento, dolore e perdita di efficienza.


I disturbi muscolo-scheletrici generati da attività usuranti rappresentano un tema critico per la sicurezza sul lavoro: comportando una graduale perdita di produttività, un incremento delle giornate di indisponibilità, sino a limitazioni temporanee e malattie professionali.


Un addetto di magazzino può arrivare a prelevare oltre 10.000 kg al giorno, eseguendo più di 1.500 sollevamenti. Anche quando frequenza e intensità non sono particolarmente impattanti, lo sforzo deve essere mantenuto per diverse ore, giorni, anni, con effetti tangibili in termini di stanchezza, e logorio fisico.


In un mondo sempre più caratterizzato dalla robotica e dall’intelligenza artificiale, è possibile preservare la centralità del lavoratore e al tempo stesso aumentare le sue capacità?

CLO ha deciso di rispondere a questa sfida diventando socia di AGADE - spin off del Politecnico di Milano, che sviluppa esoscheletri industriali di nuova generazione – e di sottoscrivere una partnership industriale con la startup, finalizzata alla prototipazione e all’industrializzazione del loro prodotto.


AGADEXO è il primo esoscheletro che si basa su un sistema ibrido di attuazione brevettato, che unisce leggerezza e confort ad una compensazione intelligente dello sforzo, e che si adatta automaticamente ai carichi e ai movimenti dell’utilizzatore.


Essendo attivo, AGADEXO è predisposto per diventare uno strumento AIOT, connesso con tutta la catena logistica e produttiva, e capace di monitorare lo stato di affaticamento ed il livello di performance dell’utente.


Una vera e propria rivoluzione del modo di lavorare, oltre che tecnologica, di cui CLO si fa promotrice.



Comentarios


bottom of page